Un altro risultato raggiunto, grazie anche all’aiuto dell’Associazione Coscioni.

E’ stato approvato un altro mio emendamento alla Manovrina, dopo quello di giovedì scorso sulla riqualificazione energetica, volto a tutelare le persone diversamente abili. Un risultato che mi rende davvero felice, perché a tutela di chi ha specifiche e stringenti esigenze. E difficilmente riesce a farle valere in sede politica.

Il punto di partenza sono i LEA, i livelli essenziali di assistenza, finalmente aggiornati nel Marzo scorso dopo più di 15 anni. Cosa sono? I LEA definiscono le prestazioni e i servizi che lo Stato assicura ai cittadini gratuitamente o eventualmente al costo del solo ticket.
Questo decreto si occupa, tra l’altro, delle problematica relativa erogazione di protesi per coloro che necessitano di questo ausilio. Il Servizio Sanitario Nazionale deve garantire le prestazioni sanitarie che comportano l’erogazione di protesi, ortesi e ausili tecnologici.
Ma ciò che è fondamentale tenere presente è che in molte patologie è necessario realizzare le protesi tenendo conto della caratteristiche proprie del paziente, richiedendo un adattamento ad personam.
Grazie al mio lavoro viene previsto un nuovo onere in capo alle Regioni. Queste ultime devono adottare procedure, ad evidenza pubblica, che prevedano l’intervento di un tecnico abilitato al quale viene affidato il compito di individuare e personalizzare gli ausili da erogare per l’acquisizione di protesi.
Viene finalmente messo nero su bianco che queste attrezzature possano essere acquistate tramite pubbliche procedure.

MM

Scarica il documento (PDF, 25KB)