Il testamento biologico ha passato il primo grosso  scoglio! È stato infatti approvato alla Camera.

Il testo tratta del rifiuto delle cure, per pazienti in condizioni gravi e irreversibili. Vietato l’accanimento terapeutico.

Ogni cittadino attraverso le dichiarazioni anticipate di trattamento potrà far valere le proprie volontà sui trattamenti sanitari a cui sottoporsi, idratazione e nutrizione artificiale comprese! Deve essere messa al centro la volontà del paziente! Il medico potrà rifiutarsi di rispettare le volontà, ma la struttura sanitaria dovrà garantirne il rispetto. 

Ho votato si! Con convinzione. Finalmente un passo avanti nel rispetto dell’autodeterminazione.

Tutti avranno la possibilità di decidere in quali condizioni concludere il proprio cammino. E’ fondamentale quando si tratta di aspetti così delicati che venga rispettata la libertà e la dignità di ogni essere umano!

Decisivo è stato anche il mio contributo. Uno dei miei emendamenti è stato assorbito nell’articolo 1 bis ! La mia proposta era quella di alleviare le sofferenze del paziente ricorrendo alla sedazione continua profonda! Il nuovo articolo concederà questo diritto : “Il medico può ricorrere alla sedazione palliativa profonda continua, anche su richiesta del paziente, al fine di evitare al paziente stesso sofferenze insopportabili e non altrimenti evitabili, in associazione con la terapia del dolore”!

Ora la legge passa al Senato, con la speranza che in tempi brevi si possa vedere in gazzetta ufficiale la pubblicazione definitiva.