All’ordine del giorno del 29 marzo di primaria importanza è stata la votazione del disegno di legge in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati.
Il provvedimento è stato approvato in via definitiva da entrambe le Camere e si attende ora la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Questo intervento normativo si dimostra essere di grande importanza in quanto garantisce la fruizione degli stessi diritti sia ai minori aventi cittadinanza italiana o dell’unione europea, sia ai minori stranieri non accompagnati che arrivano nella nostra nazione e fa si che l’Italia divenga il primo paese in Europa ad avere una legge in materia.

Il testo della legge si applica quindi, come stabilito dall’articolo 2, a coloro che arrivano nel nostro paese e sono privi di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili. Entrando nel merito della nuova normativa si stabilisce il divieto di respingimento alla frontiera del minore non accompagnato e le procedure per l’identificazione e l’accertamento dell’età del minore, il diritto di accesso alle cure e all’istruzione.
Nell’iter che ha portato all’approvazione di questa legge è presente anche una mia proposta, accolta il 26 ottobre 2016, grazie alla quale ho impegnato il Governo nell’integrare il Report di monitoraggio relativo ai minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio nazionale con i dati forniti dal nuovo sistema informatico nazionale dei minori.