Il_porcellum2Oggi doveva essere il giorno dell’inizio delle riforme promesse dal governo Letta ma in questa serie di riforme non troverà spazio la riforma della legge elettorale.

Giachetti (PD) aveva presentato assieme ad altri 50 deputati del PD una risoluzione per abolire il Porcellum e tornare immediatamente al Mattarellum per poi lavorare su una nuova legge elettorale.
Risultato: prima si ritirano tutti i firmatari lasciando solo Giachetti e poi al voto la risoluzione viene votata solo da Giachetti, SeL e M5S.

Come Movimento 5 Stelle abbiamo sostenuto in modo compatto la mozione Giachetti non perché siamo favorevoli al ritorno al ‘Mattarellum’, ma perché essa rappresentava lo strumento per abbattere intanto l’orribile ‘Porcellum’ e avviare subito un percorso di riforma della legge elettorale
Ancora una volta si tradiscono le aspettative dei cittadini, ai quali viene preclusa la possibilità di avere un sistema di voto che garantisca il rispetto pieno dei loro diritti.

E’ evidente che l’accordo sulla legge elettorale tra PD e PDL resta un ostacolo forse insuperabile, a meno che non ci si accontenti di una piccola revisione del Porcellum.

Con 476 contrari e 103 favorevoli viene bocciata anche la nostra mozione riguardo a:

  • indizione di un referendum popolare sulle modifiche della forma di Governo e di Stato
  • riduzione del numero di deputati, senatori e consiglieri regionali
  • abolizione delle province
  • abolizione del quorum nei referendum
  • incandidabilità dei condannati con sentenza definitiva per delitto non colposo
  • maggiori garanzie per le opposizioni.

L’obiettivo della commissione bicamerale (20 deputati e 20 senatori, presieduta da Finocchiaro e Sisto) sarà quello di superare il bicameralismo perfetto e trasformare il Senato in una Camera delle regioni (senza oneri per lo Stato), con conseguente riduzione del numero dei parlamentari.

Si parla di 18 mesi per ottenere questi obiettivi. Sarebbe indubbiamente un riforma epocale. Sempre che questo governo riesca a reggere fino alla fine del 2014.